[REQ_ERR: UNKNOWN] [KTrafficClient] Something is wrong. Enable debug mode to see the reason. Umiliato | Gianluca Semprini Blog

Umiliato

-Umiliante – definito così Matteo Renzi lo sciopero dei giornalisti Rai previsto l’11 giugno contro il taglio previsto per viale Mazzini di circa 150 milioni di euro.
Non so se ha scelto l’aggettivo giusto, ci saranno altre polemiche e frizioni.
Voglio però raccontare di come, spesso, mi sono sentito umiliato nel vedere come lavoravano i colleghi della tv di Stato. Nel constatare in trasferta – soprattutto qualche anno fa poi i tempi sono cambiati anche per loro – che io giornalista di una azienda privata dovessi lavorare il doppio rispetto ad un giornalista di Stato, per un stipendio che era all’incirca della metà.
Mi sono sentito umiliato e ho aiutato il mio operatore che doveva trasportarsi tutta l’attrezzatura da solo mentre i suoi colleghi della Rai erano in due e in fondo lo schernivano.
Mi sono sentito umiliato, nel vedere non certo in tutti colleghi, ma in alcuni di loro, la tracotanza di chi vedeva quel posto di giornalista di Stato come qualcosa di dovuto, a bassi ed alti livelli, le rivendicazioni ad avere e riavere quello che per natura divina definivano il “mio microfono”.
Mi sono sentito umiliato quando l’allora Direttore della all news di Stato – ovviamente poi passato per l’elezione al Parlamento – a fronte delle continue scoppole prese dalla all news privata commentava: “Eh ma loro hanno i mezzi!”. Stessa scusa usata dai suoi colleghi ad ogni buco preso, più per indolenza che per capacità.
Mi sono umiliato nel sapere che non avendo protezione politica l’intervista al potente di turno, a destra come a sinistra, era – lo sentivano – innanzitutto un loro diritto naturale, perché erano persone della stessa specie, politici e giornalisti di stato.
Mi hanno umiliato perché fortunatamente con la maggior parte del miei colleghi di Sky, qualche settimana fa, ho votato per un accordo che a fronte della decurtazione dell’1,69% dello stipendio ( per me circa 500 euro in un anno) ho permesso l’assunzione di 13 colleghi precari. Mi hanno umiliato, a me e agli altri che hanno votato sì, chiamandoci servi del padrone, crumiri, perché avevamo violato i diktat del sindacato. Noi che abbiamo deciso un piccolo sacrificio per le nostre famiglie, per favorire altre famiglie, ancora umiliati.
Tagli e possibili problemi occupazionali dunque non li si augura a nessuno. Un piccolo bagno di umiltà, sì. Era ora.

Ps. Umilmente intanto mi scuso io per questo blog, così spoglio graficamente e già pieno di refusi. Il tempo è quello che è, abbiate pietà per qualche mese.

 

commentscomments

  1. InfolabLeone scrive:

    Questi aspetti del comportamento che hai descritto sono comuni a molti tra gli “impiegati statali”, posto sicuro a vita, tra lavoro prima e pensione poi… io li definisco “quelli che hanno vinto a WinForLife”, inamovibili, illicenziabili, con tanti e sacrosanti diritti, ma doveri facoltativi.
    Fino a quando non tratteranno il pubblico come il privato… sarà sempre peggio!
    Riuscirà Renzi? Seppure avesse sincere intenzioni, come spero… sarebbe solo!! Troppi voti tra gli statali: la vedo una Mission Impossible!
    Un grande saluto!
    Michele Leone

  2. giovanni scrive:

    Io mi sentirei più umiliato dagli ascolti di Skytg24, che se non sbaglio dicono -21% e sono fermi allo zero virgola…. E questo nonostante l’abbonamento a Sky, di cui siete evidentemente parte residuale, lieviti sempre di più… Un saluto cordiale

  3. Caro Giovanni hai centrato esattamente il punto. Ti faccio un altro esempio, anche se vedo che conosci bene i numeri. La sera delle elezioni la competitor statale ha fatto la meta’ dei nostri ascolti. Se io vado male e tu non compri l’abbonamento io rischio il posto. Se la Rai va male e tu non paghi il canone, il mio collega sta tranquillo al suo posto. A te invece arriva la lettera di Equitalia. Cordialità.

  4. giovanni scrive:

    Devo confessare che le all news le guardo poco, e penso che il loro concorrente sia il web più che un’altra all news (la crisi della Cnn – ed altri – negli Usa mi sembra dica che siamo di fronte a una tendenza globale). Quanto al posto di lavoro, che dire: molto nobile rinunciare a qualcosa meno del 2% dello stipendio per elemosinare un’assunzione altrui, nobile soprattutto se non si perde occasione di pubblicizzarlo sul web. Umiliante – ancora una volta – farlo e vantarsene pure quando si sta in una Tv a pagamento con un giro d’affari equivalente se non superiore ai giganti del duopolio. Un saluto cordiale

  5. giovanni scrive:

    Ps. Umiliante e’ anche rendersi conto che il posto di lavoro dipende in sostanza dai capricci di Guardiola e Prandelli. Skytg24 non e’ una variabile nella scelta di chi fa o disdice l’abbonamento Sky. Chi compra Sky lo fa per il calcio e i film. Non per le news.

    • ti ringrazio per le belle parole. Direi il bello del blog.

      • giovanni scrive:

        Grazie a te! La tua risposta, così ricca di argomentazioni su come mai non ti faccia sentire non dico umiliato, ma nemmeno un po’ a disagio un’azienda che fattura quasi 3 miliardi l’anno ma costringe i dipendenti news ad autotassarsi per assumere 14 (14!) precari, mentre contemporaneamente manda centinaia di inviati in Brasile e chiama Del Piero come commentatore (quanto costa?) mi conferma che sei una persona assolutamente trasparente. Sei esattamente quello che sembri. Come spettatore mi permetto di suggerirti dosi quotidiane anche omeopatiche dell’elisir che con raro garbo professionale suggerisci in dosi massicce a tuoi concorrenti (a proposito: ti sei sentito umiliato perché quello della rai non aiutava il suo operatore o perché tu eri costretto a farlo?). Ma soprattutto, torna fra noi, nella realtà.! Intendo quella che sta oltre la tua immagine riflessa allo specchio. Viva cordialità e auguri

        • Caro Giovanni la tua attenzione così piena di livore mi conferma che ho centrato l’obiettivo. Come mi hanno confermato colleghi della Rai che mi hanno dovuto chiamare in privato x dirmi – hai ragione ma non te lo possiamo scrivere pubblicamente. Per la cronaca la mia azienda nn mi ha costretto a firmare nulla e essendo privata spende i soldi come le pare. Capisco che ormai dicono che Sky fa servizio pubblico, ma e’ la Rai che dovrebbe rispondere agli italiani. Continua a seguirmi se ti va con questa ossessività. Alla prossima, ora scusami ma chiudo con te.

Lascia un Commento